Non c’è dubbio per chiunque si occupi del settore dell’automobile che il futuro del mercato è nelle automobili elettriche. La popolarità di cui un tempo godevano solo fra i sognatori o gli ecologisti dello zoccolo duro si è ormai allargata a persone di ogni tipo, ceto e cultura, mano a mano che la preoccupazione per l’ambiente s’è fatta più diffusa e l’interesse a rispettarlo più sentito. Ma quali sono i reali vantaggi che quest’automobile del futuro porterà agli autisti di domani?

Il rispetto dell’ambiente
L’inquinamento da gas di scarico è un problema che in realtà tutti sentiamo da anni, e del quale ci lamentiamo da altrettanto tempo – ma in realtà, con il passare del tempo, non ha fatto altro che peggiorare. E lungi dall’essere soltanto un problema di decoro urbano, l’emissione di gas è una delle cause principali del riscaldamento globale che ci minaccia tutti. Ma le auto elettriche supereranno completamente questo problema: si caricano letteralmente da qualsiasi sorgente di energia elettrica, e non producono alcuna emissione, e quindi alcun inquinamento.

L’economia e l’efficienza
Il prezzo del petrolio fluttua costantemente, rendendo a volte obiettivamente insostenibili i consum anche delle auto di piccola e media cilindrata. La risorsa è inoltre evidentemente esauribile, e quindi i prezzi non potranno che salire, nel tempo. Al contrario, le auto elettriche hanno un ottimo rapporto fra costo del “carburante” (in questo caso, l’energia) e le prestazioni; oltre a questo, possono essere letteralmente ricaricate ovunque ci sia energia elettrica, riducendo i costi derivanti dal mantenimento dei benzinai. Oltre a questo, i motori delle auto elettriche richiedono in generale una minore quantità di interventi di manutenzione, il che li rende più economici sul lungo periodo.

Ma siamo obiettivi: le auto elettriche non hanno alcun difetto? Naturalmente no: ogni macchina ha i suoi pro e i suoi contro, e le vetture elettriche non fanno eccezione. Da un lato, si può fare ancora molto per migliorare l’autonomia delle automobili elettriche, soprattutto considerando che i centri di ricarica non sono ancora diffusi su tutto il territorio e quindi esiste un rischio concreto di trovarsi “a secco” in un luogo dove sia impossibile ricaricare. Oltre a ciò, i tempi di ricarica delle batterie sono ancora molto lunghi rispetto al tempo impiegato per un pieno di benzina: un’altra area dove la tecnologia dovrà fare di meglio per portare alla posizione di dominio del mercato queste automobili che possono, davvero, salvare il nostro ambiente.